Corso Intensivo di Mindfulness Immaginale dal 7 al 9 settembre a Milano

Mindfulness Immaginale, libro di Selene Calloni WilliamsPresso Starhotels Business Palace, via Gaggia 3

Condotto da Selene Calloni Williams, che lo descrive con le parole che seguono:

Oggi sento di dover essere molto chiara nel parlare dell’approccio immaginale alla mindfulness!

Amo unire, come faccio sempre nei miei libri, la teoria immaginale alla sua pratica in molte forme.

Se hai già letto il libro “ Mindfulness Immaginale” o lo leggerai, saprai quanto differente è la mindfulness immaginale da quella tradizionalmente praticata in tutto l’occidente.

Per farlo comprendere appieno e profondamente ho sempre tenuto a fare molti corsi e seminari in cui i partecipanti potessero vivere la semplicità e profondità dell’approccio immaginale alla mindfulness.

Il 7,8 e 9 Settembre 2018, a Milano terrò uno di questi corsi, esperenziale ed intensivo.

Ti prenderò per mano e prima ancora che la tua mente se ne renda conto starai  facendo esperienza di cosa sia  l’Anima Mundi, il samadhi, proverai cosa significa il darsi in assenza di sforzo o il fare anima, scoprirai il matrimonio mistico e smaschererai i falsi dei sociali per abbracciare ed unirti a quelli naturali.

 Ti darò due potenti antidoti per superare la paura, il falso potere, il tempo e la morte. Imparerai a nutrire gli dei attraverso la tua meditazione quotidiana con la pratica di OMI, One Minute Immersion.

Image

Viaggerai insieme a me in una grande foresta dentro di te per ritrovare e praticare l’arte dello Shinrin-Yoku, l’immersione meditativa nella natura e con la natura.

Qui ti propongo l’introduzione preparatoria alla Meditazione KASINA. La pratica, spero di poterla fare insieme a te il 7, 8 e 9 settembre a Milano.

Image

 

La meditazione KASINA. Introduzione

“Nel Buddhismo Theravāda diversi “oggetti” sono ritenuti adatti per la pratica meditativa. Alcuni di questi oggetti fanno parte della cosiddetta “meditazione Kasina” un’attività di concentrazione della mente che predispone il meditante verso uno stato di profonda quiete. In questa condizione la mente diventa completamente immersa e assorbita nell’oggetto su cui viene posta l’attenzione all’assorbimento. Kasina è un termine in lingua pali che significa “fissità”.

 

In questo tipo di meditazione ci si focalizza su di un particolare oggetto, come la fiamma di una candela, un colore (in particolare blu, giallo, rosso), un elemento (Terra, acqua, aria, Fuoco); o, ancora, ci si può concentraresull’immagine dello scheletro, sul respiro e sul corpo. Una sessione meditativa è strutturata in tre fasi: si inizia con la concentrazione a cui segue la meditazione sulla fiamma della candela per 15 minuti, poi ci si concentra su due colori per 20 minuti ciascuno. Infine si contempla un terzo colore per 30 minuti circa. Si può usare qualsiasi colore dal quale ci si senta ispirati, compresi il bianco e il nero.

 

Concentrarsi inizialmente sulla fiamma, significa percepire calore, energia e soprattutto significa osservare un simbolo dell’impermanenza: la candela lentamente si scioglie, sino a che la fiamma si spegne. Praticando la meditazione Kasina noi applichiamo proprio il paradigma dell’impermanenza, visualizzando la fiamma che prima c’è, poi non c’è; contemplando il respiro che c’è e non c’è. Questa pratica ci permette di capire come tutto sia fluido, mai fermo, in continuo movimento e avvia un processo di guarigione, che avviene attraverso i colori. I numi dei colori attivano questo processo aprendo le porte degli intimi spazi della psiche.

 

La meditazione Kasina è una tecnica di contemplazione di alcuni oggetti. Nel Canone Pali sono suggeriti dieci oggetti di contemplazione:

 

1. La terra (pathavī kasina)

2. l’acqua (āpo kasina)

3. Il fuoco (tejo kasina)

4. l’aria (vāyo kasina)

5. I colori blu e verde (nīla kasina)

6. Il colore giallo (pīta kasina)

7. Il colore rosso (lohita kasina)

8. Il colore bianco (odāta kasina)

9. lo spazio (ākāsa kasina)

10. la luce brillante, la fiamma (āloka kasina)

All’inizio consigliamo di fare sedute di concentrazione di circa venti minuti. la meditazione sui colori e sulla fiamma può essere fatta collocando la fiamma di una candela o un cartoncino colorato a circa un metro e mezzo di distanza dai propri occhi, all’altezza degli occhi. Il cartoncino colorato deve avere forma circolare. Si può fabbricare il cerchio a partire da un foglio colorato che può essere ritagliato con l’utilizzo di un piatto rotondo per dargli la forma circolare. Il diametro del cerchio dovrebbe avere una lunghezza variabile da quella di un mezzo avambraccio a quella di un intero avambraccio.

Il cartoncino colorato va poi incollato su di un altro cartoncino più grande completamente bianco, così che il cerchio abbia una cornice bianca tutt’intorno. Per la concentrazione sull’aria, sulla terra sull’acqua o sullo spazio è necessario praticare all’aria aperta dove si potrà fissare lo sguardo su di un lago o uno stagno o un fiume, sull’aria, sulla terra, sull’etere. In questo caso la concentrazione della coscienza è fondamentale; è questa che fa la differenza tra la percezione dell’etere e dell’aria, per esempio, la concentrazione avviene a occhi aperti, fissando lo sguardo sull’elemento prescelto.

 

Bisogna avere la massima accortezza di non muovere mai lo sguardo. Perciò bisognerà fissare un singolo punto dell’oggetto. Nel caso del cartoncino colorato lo sguardo va fissato nel punto che è esattamente al centro del cerchio colorato. Nel caso dell’acqua o della terra, dell’aria o dell’etere, lo sguardo va fissato in un punto a scelta e mai mosso. Il punto prescelto deve sempre essere dritto davanti agli occhi, anche se, nel caso di un lago o della terra, può essere più in basso rispetto all’altezza degli occhi.

Se la pratica è eseguita su di un unico oggetto consigliamo all’inizio sessioni di venti minuti da rendere via via più lunghe. Con l’esperienza la pratica pura di Kasina comporta unicamente la fissità dello sguardo. Eventualmente si può ripetere mentalmente il nome o il colore dell’oggetto sul quale ci si sta concentrando, come si ripetesse un mantra. Per esempio: “blu, blu, blu…”, oppure “fiamma, fiamma, fiamma…”.

Qui di seguito forniamo l’esempio di una pratica combinata con vari oggetti di concentrazione e vari tempi che sono puramente indicativi. Alla meditazione Kasina di base abbiamo aggiunto un percorso immaginale che abbiamo sperimentato essere assai utile nell’ambito di un programma Mindfulness per la riduzione dello stress. ….”

Dal Libro di Selene C.W. e Silvia C. Turrin  “Mindulness Immaginale – Pratiche di meditazione e visione immaginale”, Edizioni Mediterranee.

Per informazioni e iscrizioni scrivi a info@imaginalacademy.org

Costo per iscrizioni entro il 31 agosto: 390 euro. 490 euro per iscrizioni successive.

Come iscriversi

Per formalizzare l’iscrizione è necessario fornire, scrivendo a  info@imaginalacademy.org, seguenti dati:
Nome e  Cognome:
Indirizzo:
Città:
Telefono
Email
Data e luogo di nascita

e versare la quota di partecipazione seguendo una delle modalità riportate di seguito:
Bonifico bancario sul conto seguente:

Conto corrente n. 913191969 Associazione di Nonterapia – Swiss Post – PostFinance CH-3030 Bern – Swift e BIC: POFICHBEXXX – IBAN: CH34 09000000913191969 – Filiale di Bissone
oppure paypal/carta di credito andando al link seguente:  https://www.paypal.me/ImaginalAcademy inviando conferma a  pagamento avvenuto.

Post recenti

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi